Eventivai alla lista eventi

EVENTI IN TRENTINO

ARTE | MOSTRE | ALTO GARDA E LEDRO


Alla Casa degli Artisti di Canale di Tenno la mostra "Col filo e con l'ago"

fino al 6 gennaio 2021


É un omaggio a Maria Lai la mostra "Col filo e con l'ago" allestita alla Casa degli Artisti «Giacomo Vittone» di Canale di Tenno.

Un allestimento promosso in collaborazione con il Museo degli usi e costumi della gente trentina, il circolo culturale di Javrè "Al filò dal lundì" e Casa Bonus di Bondo sospeso tra passato e presente «in cui il ricamo - sottolineano gli organizzatori - va oltre la sfera personale e crea, punto per punto, una traccia indelebile dell'esistenza». Lai - nata a Ulassai nel 1919 e scomparsa a Cardedu nel 2013 - è sicuramente una tra le voci più singolari dell’arte italiana del secondo dopoguerra «negli anni Settanta - aggiungono - realizza i cosiddetti Telai, opere in cui pittura e scultura si incontrano e nelle quali la tradizione millenaria della tessitura si apre a nuove potenzialità compositive».

La volontà insita in questo progetto è dunque quella di dare visibilità ad un linguaggio espressivo che accompagna l’umanità fin dall’alba dei tempi: il cucito. 

«L'utilizzo del filo e dell'ago per gli artisti - sottolineano - è un modo per ricercare forme espressive in cui il filo scorre oltre la tradizione che, nel percorso espositivo, ha una sua stanza di racconto attraverso i manufatti di sei ricamatrici scomparse, delle quali si aprono i bauli. I linguaggi artistici si intrecciano e si incontrano, a partire da un uso filologico del filo e dell'ago fino all'utilizzo del filo come metafora di nodi e trame psicologiche».

Le opere esposte sono di Damiano Colombi, Osvaldo Maffei, Margaret Nella, Amina Pedrinolla e Rosalba Trentini. «Inoltre, l’associazione Arco Ricama - commentano - espone l'opera collettiva Abbecedario per Maria Lai in cui ogni lettera dell’alfabeto è interpretata secondo una parola-concetto cara a Maria Lai (formato di stoffa 35 centimetri per 35 per ogni parola). Alla lettera N = nastro il riferimento è a una delle opere più celebri dell’artista sarda, «Legarsi alla montagna», realizzata con un nastro azzurro assieme agli abitanti del paese di Ulassai l’8 settembre 1981».

«Nell’opera di Maria Lai - concludono - il gesto della tessitura è una meditazione condotta in solitudine, una riflessione intima sul senso della comunità, della storia e della tradizione, il tentativo poetico di ricostituire un legame tra un passato arcaico e un presente in cui la memoria si va dissolvendo. Le Geografie e i Libri, serie cui l’artista si è dedicata alla fine degli anni Settanta, sono la prima il racconto organizzato intorno ad ampie composizioni realizzate con stoffe e ricami che rappresentano pianeti, geografie e costellazioni immaginarie, e la seconda uno degli aspetti più noti della sua produzione, che include il celeberrimo «Libro scalpo», presentato nel 1978 alla Biennale di Venezia».

Orari di apertura:

da martedì a domenica (lunedì chiuso) dalle 10 alle 12 e dalle 13 alle 17.

Ingresso gratuito. Sono richiesti mascherina e green pass.

Foto di Luciano Stoffella
Foto di Luciano Stoffella
Press Release

Press Release

Fresh news and press release directly from the institution and the political figures of Trentino.

vedi comunicati

Food

Let's get some information about the traditional food of Trentino and lots more... 

vedi food Food
Bands

Bands

Find out the best band, festivals and concerts that will be placed in Trentino.
Jazz, blues, rock, pop, folk, fusion, cover band and tribute band...

vedi bands
Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Annulla
Chiudi

Richiedi il tuo coupon


Annulla