Eventivai alla lista eventi

Comunicati


"Noi sappiamo": riflessione degli allievi delle classi 5°A e 5°B CFP ENAIP Villazzano

lunedì 31 maggio 2021 h14:45


richiesta info

Dagli allievi delle classi 5°A e 5°B del CFP ENAIP di Villazzano, seguito dei fatti accaduti nell’ultima settimana, un lavoro di profonda analisi e riflessione condotta in classe, scegliendo di ispirarsi al format pasoliniano.

I fatti che hanno coinvolto noi ragazzi dell’Enaip di Villazzano nell’ultima settimana sono noti a tutti purtroppo. Nessuno invece conosce il nostro sconforto, la nostra frustrazione rispetto allo svilimento del nostro lavoro e delle nostre progettualità professionali, e per molti aspetti anche esistenziali.
Noi ragazzi di quinta siamo più grandi e maturi e abbiamo più strumenti di analisi. Questo sconforto e questa maggior consapevolezza ci hanno portato a riflettere e a dialogare con fervore su quanto accaduto nelle lezioni destinate all’educazione alla cittadinanza.
Il lavoro che segue e che ha la forma di un quasi-manifesto è il risultato della nostra riflessione condivisa, guidata e raccolta in forma scritta dalla nostra insegnante di lingua e letteratura italiana con la quale abbiamo deciso di scegliere il format pasoliniano dell’io so.
Se quello di Pasolini era di fatto un atto di accusa, il nostro vuole più somigliare ad un gesto a difesa del nostro valore e dei nostri meriti.
Joseph, Alessandro, Dardan, Andrea, Matteo, Riccardo, Michele, Daniel, Karin, Patrick, Francesco, Henry Patricio, Riccardo, Simone, Youssef, Stefano, Marco, Nick Steven, Nicola, Nicholas, Samuele, Murik, Luca, Daniele, Johan Josuè, Betim, Daniele.
Gli studenti delle classi 5°A e 5°B CAPES “Manutenzione e assistenza tecnica” del CFP ENAIP di Villazzano.


Noi sappiamo.
Noi sappiamo che la violenza non può mai dirsi risolutiva e che quando la si sceglie se ne chiama sempre più, come in un gorgo, in una spirale.
Noi sappiamo che chi usa violenza, fosse anche per una causa condivisibile, passa sistematicamente dalla parte del torto; noi sappiamo al contempo che i più piccoli e inesperti fra noi sono spesso fortemente tentati dalla risoluzione spiccia e che in questo devono essere aiutati.
Noi sappiamo che il bullismo non è solo una perversione dei rapporti umani, ma anche una corruzione dell’anima del carnefice che mina alle fondamenta la sua stessa dignità. Il bullo prima lo isoli e poi lo recuperi.
Noi sappiamo che i pregiudizi nascondono pensieri facili e preconfezionati e che le etichette ci consentono di dare un nome alle cose anche quando fatichiamo a orientarci.
Noi sappiamo che questa morale tascabile, standardizzata è molto rassicurante e che è spesso frutto delle nostre paure e delle nostre pigrizie; che “fare di tutta un’erba un fascio” permette di riordinare il buono col buono e il cattivo col cattivo chiudendo gli occhi all’ambiguità e alla promiscuità dei sentimenti aprendo invece ad una realtà semplificata.
Noi sappiamo che la scuola, come la società, è una grande comunità incentrata sul principio di solidarietà e che quando qualcuno sbaglia è necessario mitigare il rigore con la comprensione e l’empatia: chi di noi è senza peccato scagli la prima pietra! E noi sappiamo che la scuola è di fatto una enorme opera di semina i cui frutti un giorno ci saranno chiari: chi oggi accoglie la nostra fragilità e il nostro lato oscuro domani vedrà come noi sapremo accogliere quello degli altri.
Noi sappiamo imparare prevalentemente con l’esempio.
Noi sappiamo che buona parte della nostra vita oggi si gioca nel virtuale ma che il virtuale non può essere pienamente autentico.
Noi sappiamo che dietro scelte, parole e pensieri si nascondono, a monte, emozioni non per forza strettamente ad essi collegate e che queste condizionano i contenuti e i modi del nostro comunicare.
Noi sappiamo che questo mondo molto social si compone in fondo di tanti incompresi monologhi. E sappiamo purtroppo come certo protagonismo emotivo non possa che fornire solo un parziale punto di vista.
Noi sappiamo che il giornalismo tollera spesso di adeguare la sua cronaca a un resoconto passionale e ad effetto e che accetta di buon grado di seguire le piste battute dai social trasformando in tal modo il fatto nell’interpretazione del fatto.
Noi sappiamo al contempo che siamo in fondo noi stessi a concedere il benestare a questo tipo di giornalismo e che quindi potrebbe, allo stesso tempo, spettare a noi chiederne il cambiamento.
Noi sappiamo che la politica ama appropriarsi del palcoscenico, soprattutto in funzione elettorale e che non ha remore a farlo, nemmeno quando il suo scalpitare comporta il maneggiare fatti e persone di cui ha solo una vaghissima idea.
Noi sappiamo tutto questo e molto altro e ne abbiamo avuto la prova schiacciante nell’ultima settimana trascorsa a leggere di noi.
Noi sappiamo, perché siamo ragazzi che pensano e perché tutto quanto ci accade, a scuola e fuori, è per noi materia di riflessione e studio.
Tutto ciò fa parte del mestiere che faremo e delle sue modalità: lavoriamo in team e in gruppo elaboriamo quanto ci accade, nella convinzione che il pensiero più vicino al vero è quello aperto alla condivisione reale e alla sincerità delle intenzioni.

Press Release

Eventi, manifestazioni e notizie tutte... "di prima mano".

Qui trovi una selezione aggiornata di comunicati e di iniziative così come condivise dai promotori, dagli enti e dalle istituzioni del Trentino.
Per scopire un Trentino fatto di "Emozione", "In-Formazione" e "Innovazione"!

Emozione

Emozione

Eventi, manifestazioni, mostre...
Sono tanti gli eventi che ci permettono di provare forti emozioni.
Scopri gli appuntamenti che ci emozionano in Trentino. 

vedi comunicati

In-formazione

Confronti, corsi e rassegne...
per informarsi, formarsi e crescere: riflettiamo in Trentino!

vedi comunicati In-formazione
Innovazione

Innovazione

Ricerche, convegni e concorsi dedicate all'ambiente ed alla tecnologie.
Innoviamo in Trentino...

vedi comunicati
Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Annulla
Chiudi

Richiedi il tuo coupon


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

Il titolare del trattamento dati è Studio Giornalistico JP Communications e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla