COPPOLA***Collegamento ferroviario Rovereto-Garda: progetto di mobilità sostenibile

Friday 20 November 2020 h13:15


richiesta info

Premesso che:
- il collegamento ferroviario Rovereto-Garda è oggetto di dibattito pubblico nelle istituzioni locali da alcuni decenni ed è previsto nel PUP, nei PRG e PUM dei comuni interessati, nei Piani stralcio della Mobilità delle Comunità della Vallagarina e dell’Alto Garda e Ledro;
- Il termine inglese lean significa anche leggero. E' il termine che l'amministratore delegato di RFI, Maurizio Gentile, ha utilizzato nel convegno/tavola rotonda, svolto recentemente a Trento, sul futuro della ferrovia, per ipotizzare un treno di collegamento Rovereto – Garda;
- alcuni anni fa era stato bandito, dall'Assessore provinciale Pacher, un concorso di idee al quale hanno partecipato 10 società e per il quale sono stati spesi circa 400.000 euro pubblici. Il progetto vincitore presentato da IDROESSE ENGINEERING srl con una soluzione tecnica e finanziaria per la Linea Azzurra, richiedeva un importo di 1 miliardo e 223 milioni di euro. Di questi 1.154.000.000 euro per infrastrutture, 69.000.000 di euro per materiale rotabile e 17.886.190 di euro per i costi totali operativi annuali. Il successore, Mauro Gilmozzi, nel ribadire l'utilità del Concorso di idee, dichiarò ai media che “il costo stimato per la redazione di un progetto preliminare e studio Via di tale opera, come da tariffe professionali vigenti, ammonta a 4.194.000 euro“. A distanza di anni l’attuale Giunta e in particolare il governatore Fugatti ha messo a bilancio provinciale 50.000 euro (sembrerebbe aumentabili a 300.000 euro) per uno studio di fattibilità del collegamento ferroviario Adige – Garda;
- il Comitato promotore per la legge di iniziativa popolare per la Mobilità Sostenibile riceveva dalla precedente Giunta Provinciale dei segnali negativi per il finanziamento delle opere infrastrutturali. Il motivo o scusante era "non ci sono i soldi in bilancio". Allora, il Comitato, propose di istituire un Fondo Provinciale per la Mobilità Sostenibile e accedere ai molteplici fondi europei previsti. Tale proposta fu bocciata dalla Giunta stessa;
- la legge provinciale n.6 del 30 giugno 2017, prevede il Piano Provinciale della Mobilità (a tutt’oggi non ancora approvato) e i suoi stralci e il percorso partecipativo per la loro approvazione con il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle comunità interessate;
- a tutt’oggi non è stato elaborato nessun progetto di fattibilità tecnica ed economica delle opere infrastrutturali relative a tale collegamento.
Preso atto che:
- la Giunta Provinciale intenderebbe istituire un bond, cioè una sorta di obbligazione garantita dalla PAT, per attrarre i risparmi dei cittadini trentini e procedere al finanziamento parziale o totale delle infrastrutture necessarie per il suindicato collegamento ferroviario e per il Sistema di mobilità Sostenibile;
Considerato che:
- l’attuale “modal split” (ripartizione modale nei trasporti) è sbilanciato verso l’uso dell’auto privata. In Vallagarina il 60/65% degli spostamenti vengono fatti con l’auto privata;
- Il collegamento stradale S.Giovanni - Cretaccio, attualmente in fase di realizzazione, non risolverà i problemi di mobilità della Vallagarina e dell'Alto Garda e Ledro. Sono stati spesi 126 milioni di euro per spostare le congestioni da una parte all'altra della rete stradale;
- il collegamento ferroviario Rovereto Garda e il Sistema di Mobilità Sostenibile di Rovereto e la Vallagarina costituiscono elementi strategici per:
• garantire il diritto alla mobilità a tutta la cittadinanza delle città e delle valli;
• la vivibilità della popolazione residente nei territori della Vallagarina e Alto Garda e Ledro;
• lo sviluppo socioeconomico e l’implementazione dell’economia circolare della mobilità;
• sviluppare in qualità il settore turistico;
• preservare lo straordinario compendio ambientale dell’ Alto Garda;
- nella definizione del Sistema di Mobilità Sostenibile del Trentino occorrerà far riferimento ad una ossatura principale portante costituita dalle seguenti tratte e linee ferroviarie:
• Verona – Brennero;
• Trento – Malè;
• Trento – Primolano - Venezia Mestre;
• Merano – Malles (Val Venosta)
- da alcuni anni le associazioni ambientaliste pongono all’attenzione della Giunta Provinciale la realizzazione delle seguenti opere ferroviarie:
• il potenziamento della linea ferroviaria Trento – Primolano - Venezia Mestre (Valsugana);
• nuova linea ferroviaria (Tram Treno) Rovereto- Mori – Riva – Arco;
• nuova linea ferroviaria Trento – Penia (Avisio);
• progetti di mobilità (Tram Treno) a Trento e Rovereto;
Si tratta di estendere la rete ferroviaria a est e ovest e costruire un sistema, comprendente anche il trasporto pubblico su gomma, la mobilità dolce (pedonabilità, ciclabilità etc.) e quella alternativa (car sharing, car pooling). Un sistema attrattivo e flessibile in grado di realizzare un diverso modal split, riducendo fortemente i viaggi con l'auto privata.
- l'emergenza sanitaria Covid-19 ha fatto ancora una volta comprendere a tutti l'importanza di un siffatto sistema di mobilità, in grado di garantire viaggi da e verso i poli attrattori e dai poli generatori di traffico (scuole, fabbriche, presidi sanitari ecc.);
- mentre in Italia, in Vallagarina e Alto Garda il Tram Treno è solo un’ipotesi in discussione, in Europa e in altre parti del mondo sono state realizzate reti ferroviarie con tale sistema. Per esempio a Lugano è stato progettato un sistema di Tram Treno a scartamento metrico che verrà realizzato entro il 2023. E’ stato scelto uno scartamento di 1.000 mm (come la Trento-Malè), semplicemente perché in Svizzera molte linee ferroviarie secondarie sono a scartamento ridotto;
- ha senso istituire un Fondo Provinciale per la Mobilità Sostenibile, finanziato da una parte dei pedaggi autostradali in territorio trentino, in base al principio “chi inquina paga”. Tale principio è l’orientamento assunto dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti che ha sede a Torino (vedi audizione del Presidente dell’Autorità, Andrea Camanzi al Senato della Repubblica – VIII Commissione lavori pubblici, Telecomunicazioni - Atti comunitari in materia di trasporto su strada nell’ambito del “Pacchetto mobilità” 13 luglio 2017);
- con riferimento alla legge provinciale n.6 del 30 giugno 2017, risulta attuale predisporre un Piano Stralcio della Mobilità sostenibile della Vallagarina e dell’Alto Garda e Ledro che fornisca una visione strategica del territorio dove trovi giusta collocazione il progetto di fattibilità tecnica ed economica del collegamento ferroviario Rovereto – Garda o Monaco – Garda, di cui all’art. 23 comma 5 D.Lgsl. 50/2016. Tale progetto dovrebbe essere sottoposto a dibattito pubblico, superando le soglie previste.
Tutto ciò premesso,

il Consiglio della Provincia autonoma di Trento
impegna la Giunta provinciale a:

• promuovere di concerto con le sedi istituzionali competenti il Piano Stralcio della Mobilità Sostenibile della Vallagarina e Alto Garda e Ledro previsto negli art. 2 e 3 della legge provinciale n.6 del 30 giugno 2017;
• elaborare un progetto di fattibilità tecnica ed economica del collegamento ferroviario Rovereto – Garda o Monaco – Garda;
• ricomprendere tale opera nelle priorità progettuali conseguenti all’eventuale istituzione del proposto bond, obbligazione garantita dalla PAT, per procedere al finanziamento parziale o totale delle infrastrutture necessarie per il Sistema di mobilità Sostenibile;
• istituire un Fondo Provinciale per la Mobilità sostenibile, finanziato dai pedaggi autostradali e ferroviari in base al principio “chi inquina paga” oltre che “chi consuma paga”, per permettere l’armonica e coordinata realizzazione di progetti specifici di Mobilità Sostenibile nei territori comunali della Vallagarina e Alto Garda e Ledro.

Cons. Lucia Coppola

Futura

Press Release

Press Release

Fresh news and press release directly from the institution and the political figures of Trentino.

vedi comunicati

Food

Let's get some information about the traditional food of Trentino and lots more... 

vedi food Food
Bands

Bands

Find out the best band, festivals and concerts that will be placed in Trentino.
Jazz, blues, rock, pop, folk, fusion, cover band and tribute band...

vedi bands
Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Annulla
Chiudi

Richiedi il tuo coupon


Annulla