PAT | Contrastare la violenza assistita: ecco il percorso formativo rivolto agli insegnanti

Provincia autonoma di Trento

Thursday 22 July 2021 h15:15


Prenderà il via ad ottobre, oggi la presentazione con gli assessori Segnana e Bisesti.

"Per una scuola che promuove buone relazioni e contrasta qualsiasi forma di violenza": un percorso formativo rivolto a dirigenti e docenti delle istituzioni scolastiche e formative provinciali e paritarie del Trentino, sia delle scuole primarie che secondarie di primo e secondo grado. Lo hanno promosso l’Assessorato alle Politiche Sociali (UMSE sviluppo rete dei servizi - Ufficio Pari opportunità e inclusione e Servizio politiche sociali - Ufficio Età evolutiva, genitorialità e centro per l’infanzia) e l’Assessorato all’Istruzione per il prossimo autunno, coinvolgendo da un lato IPRASE, punto di riferimento per l'aggiornamento e la formazione continua del personale scolastico delle scuole trentine, per la progettazione, e dall'altro tsm - Trentino School of Management che ha messo a disposizione la sua esperienza nella progettazione e gestione di progetti formativi.
Oggi si è tenuta la conferenza stampa di presentazione con gli assessori alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana e all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti e la dirigente dell'UMSE sviluppo rete dei servizi Miriana Detti, nonché per Iprase il direttore Luciano Covi e per tsm - Trentino School of Management la direttrice generale Paola Borz.
"I bambini, gli adolescenti, tutti loro hanno il diritto di essere protetti da qualsiasi forma di violenza; essa, in tutte le sue forme danneggia la salute fisica e psichica del minore, i suoi diritti fondamentali e il suo futuro sviluppo, come singolo e come società - sono state le parole dell'assessore Segnana -. Il percorso che abbiamo promosso congiuntamente con l'Assessorato all'Istruzione va in questa direzione, vuole rappresentare un intervento formativo importante per promuovere nella scuola l’acquisizione di competenze psico-pedagogiche e di pratiche educative in funzione della prevenzione e del contrasto di qualsiasi forma di violenza familiare, diretta o assistita. L’idea - ha aggiunto l'assessore Segnana - ha preso avvio nel 2019 dopo che avevo partecipato ad una giornata di formazione specifica organizzata dai Pediatri di famiglia. Da lì abbiamo cominciato a ragionare con l’Assessorato all’Istruzione per attivare un corso che coinvolgesse il mondo della scuola. Il percorso è stato rallentato, inevitabilmente, dalla pandemia, ma adesso siamo pronti a partire”.
"La scuola è stata individuata osservatore privilegiato dei segnali di disagio degli studenti ed è quindi chiamata ad esercitare questo suo ruolo in un'azione sinergica con gli altri soggetti del territorio, istituzioni, forze dell'ordine, enti, associazioni - ha commentato l'assessore Bisesti -, diventando realtà attiva, preparata a riconoscere le difficoltà e a mettere in atto processi e azioni di contrasto e di prevenzione. Il percorso aiuterà gli insegnanti ad acquisire strumenti e competenze adatti a sostenerli nell'individuare situazioni di sofferenza, nell’attivare processi di intervento e nell’approntare azioni educative che incentivino l'acquisizione di competenze sociali e civiche".
"Negli ultimi anni - ha aggiunto il direttore di Iprase Covi - le istituzioni scolastica e formative e, in generale, l'intero sistema educativo provinciale - hanno dedicato un'attenzione crescente ai temi della violenza, ampliando progressivamente il proprio bagaglio di competenze anche grazie a un lavoro coordinato con le altre istituzioni del territorio".
Di un progetto frutto di un lavoro congiunto con Provincia e Iprase ha parlato quindi la direttrice di tsm Borz: "Iprase e tsm sono due 'scuole' con destinatari diversi ma che condividono lo stesso dna - sono state le sue conclusioni - e la medesima voglia di lavorare per lo sviluppo del territorio trentino, mettendo a fattor comune le proprie competenze".
"I dati relativi ai fenomeni di violenza assistita, che in particolare coinvolgono dei minori, sono purtroppo in crescita - ha concluso la dirigente Detti -. La necessità di intercettare questo problema attraverso il ruolo strategico della scuola e degli insegnanti è il motore di questo percorso formativo, frutto di una importante collaborazione con Iprase e Tsm, che segna un ulteriore passo nelle azioni di contrasto alla violenza di genere e assistita". Miriana Detti ha quindi ripercorso i contenuti dell'attività formativa, che affronterà le seguenti tematiche: comprendere la violenza e riconoscerne le tracce nella scuola, definizione di violenza di genere e di violenza assistita, gli effetti della violenza sulla genitorialità paterna e materna, l’emersione della violenza assistita in ambito educativo, la scuola come “anello attivo” della rete di protezione e intervento nelle situazioni di violenza, la normativa nazionale e provinciale, la rete istituzionale e dei servizi presente nel territorio trentino, il ruolo del servizio sociale nell’accompagnare le situazioni di violenza di genere e assistita, le possibili azioni e strategie di intervento, l’importanza della prevenzione di ogni forma di violenza, la gestione della classe da parte dell’insegnante per promuovere una cultura dell’accettazione di sé e della valorizzazione della diversità e della complessità, la gestione dei conflitti relazionali.
Il corso prenderà avvio nel mese di ottobre e coinvolgerà i partecipanti in sei momenti formativi da due ore ciascuno.
Sulle piattaforme degli enti organizzatori verranno comunicati prossimamente i tempi e le modalità di iscrizione.

(at) Ufficio Stampa Provincia autonoma di Trento

Press Release

Press Release

Fresh news and press release directly from the institution and the political figures of Trentino.

vedi comunicati

Food

Let's get some information about the traditional food of Trentino and lots more... 

vedi food Food
Bands

Bands

Find out the best band, festivals and concerts that will be placed in Trentino.
Jazz, blues, rock, pop, folk, fusion, cover band and tribute band...

vedi bands
Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla
Chiudi

Richiedi il tuo coupon


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

Il titolare del trattamento dati è Studio Giornalistico JP Communications e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla