UNITN | TAGLIO LASER E RESISTENZA DEI METALLI: UNA BORSA DI DOTTORATO PER INDAGARE LE IMPLICAZIONI

Monday 26 April 2021 h14:30


richiesta info

Un raggio laser taglia un tubo di metallo e nel farlo lo riscalda. Cosa succede a quel tubo? Avrà la stessa resistenza di prima? Sarà ancora possibile costruirci un ponte? Potremmo riassumere così, naturalmente complicate da infinite variabili, le domande al centro del progetto di ricerca del dottorato in Innovazione Industriale di UniTrento che vede coinvolti il Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica (Dicam) e l’azienda Adige Sys – Blm Group.

Tagliare i metalli con il laser è una pratica consolidata, che fa parte di molti processi produttivi. Ma nonostante i grandi vantaggi e i risparmi che porta in termini di tempi e di costi, il calore generato da questo tipo di taglio è una componente da tenere sotto strettissima osservazione. Con il calore i materiali possono infatti perdere le proprie caratteristiche, cambiare proprietà, trasformarsi e reagire diversamente agli stimoli.
Per non rinunciare alle potenzialità del laser senza compromettere la statica di ciò che si andrà a costruire, Adige Sys – Blm Group, leader mondiale nella costruzione di macchine per la lavorazione laser di metalli, si è rivolta all’Università di Trento. Lo ha fatto scegliendo di finanziare una borsa del dottorato in Innovazione Industriale, aprendo così le porte della propria azienda ai ricercatori del Dicam, e mettendo a disposizione la propria competenza manufatturiera in cambio della loro collaborazione analitica.
«Sia che si tratti come in questo caso di elaborare modelli meccanici – spiega Oreste S. Bursi, direttore del Dicam e tutor di del progetto di dottorato – che di costruire fisicamente qualcosa, la meccanica e la modellazione strutturale rappresentano sempre delle sfide. E una sfida è infatti alla base anche di questo percorso di dottorato, perché sia il nostro dipartimento che Adige Sys si sono proposti di compiere un processo di evoluzione, di conoscere meglio qualcosa che prima conoscevano meno».
A legare il livello delle competenze del Dicam e la precisione costruttiva dell’azienda di Levico Terme, è stato il rapporto tra il tempo e il calore. Adige Sys crea macchinari che servono per tagliare tubi e travi di grandi dimensioni che serviranno poi in ambito strutturale per costruire capannoni, coperture di stadi, ponti… Insomma, per un tipo di impiego per il quale è richiesta una qualificazione normativa molto rigorosa, che stabilisce come questi manufatti devono essere fatti, quanto devono durare, che resistenza alla fatica ad alto numero di cicli devono garantire.
«Si tratta di strutture che devono durare nel tempo – chiarisce Alberto Valli, direttore tecnico di Adige Sys – ma resistere anche alle vibrazioni, agli agenti atmosferici, alle sollecitazioni, sono tutti parametri per i quali una lavorazione termica, come anche quella laser, viene vista con sospetto. Perché il materiale durante il taglio si riscalda e può diventare più fragile, meno resistente, troppo duro e poco flessibile… Per noi diventava dunque fondamentale capire quali effetti questo tipo di lavorazione ha sui materiali in termini di variazione cambio delle loro caratteristiche metallurgiche e meccaniche. Ed è per questo che ci siamo rivolti a UniTrento e abbiamo concordato di finanziare una borsa del dottorato in Innovazione industriale».

Risultati e sfide
I primi risultati sono stati incoraggianti. Le prove fatte dimostrano che il laser, se usato con determinati parametri, non cambia le caratteristiche dei materiali con i quali viene in contatto. Un’osservazione che ha già portato alla modifica di diverse normative europee, che ora non considerano la lavorazione a taglio laser come automaticamente impoverente il materiale. Ma un risultato che rappresenta solo un nuovo punto di partenza per i ricercatori e per l’azienda.
Chiarito infatti che il taglio laser può non alterare significativamente le proprietà dei metalli che seziona, resta da capire quali siano queste “determinate circostanze”. «Noi come azienda potevamo fare tutte le prove possibili e immaginabili – osserva Valli – usare un fascio laser ad alta intensità per poco tempo, oppure un fascio poco potente ma più lento, le possibilità restavano tuttavia infinite. Non ci servivano dunque nuove prove pratiche, perché erano troppe da fare, ma un modello matematico che ci dicesse al variare della potenza del laser come si sarebbe comportato il materiale e con quali conseguenze. Ci serviva, insomma, la competenza meccanica e numerica dell’Università, ed eccoci qua».

Il dottorato in Innovazione industriale: la teoria, in pratica
Il Corso di dottorato in Innovazione industriale di UniTrento è un terreno sul quale i dipartimenti di Ingegneria e Scienza dell'informazione (Disi), di Ingegneria industriale (Dii), di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica (Dicam), il dipartimento di Fisica, quello di Economia e Management e la Fondazione Bruno Kessler (Fbk) hanno deciso di sperimentare e contaminarsi. Una palestra per formare esperti di innovazione tecnologica, persone con competenze teoriche e pratiche trasversali.
15 settori scientifico-disciplinari attraversati, 5 dipartimenti e una fondazione di ricerca coinvolti, 3 aziende private convenzionate e molte di più quelle con le quali scambiarsi informazioni e progetti per formare esperti di innovazione tecnologica.
Nel programma sono coinvolti attori come Hit, l’hub Trentino dell’innovazione; l’Eit Digital, l’organizzazione europea per l'innovazione digitale e l'educazione all'imprenditorialità; la School of Innovation e Trentino Sviluppo. Per il dottorando, c’è l’obbligo di trascorrere almeno sei mesi del proprio percorso formativo presso una delle aziende promotrici del progetto, così da beneficiare di una doppia esperienza ed avere le proprie attività coordinate, supportate e monitorate non solo dal supervisore accademico ma anche da un tutor aziendale.
In attesa di festeggiare l’anno prossimo i primi dottorati, il dottorato in Innovazione industriale di UniTrento si prepara tra qualche mese a selezionare per la terza volta i candidati che giungeranno dall’Italia e dall’estero per contendersi uno dei posti disponibili.


(g.a.) Ufficio stampa Università di Trento

Press Release

Press Release

Fresh news and press release directly from the institution and the political figures of Trentino.

vedi comunicati

Food

Let's get some information about the traditional food of Trentino and lots more... 

vedi food Food
Bands

Bands

Find out the best band, festivals and concerts that will be placed in Trentino.
Jazz, blues, rock, pop, folk, fusion, cover band and tribute band...

vedi bands
Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla
Chiudi

Richiedi il tuo coupon


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

Il titolare del trattamento dati è Studio Giornalistico JP Communications e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla