Eventivai alla lista eventi

NEWS & BLOG

CULTURA | TIONE DI TRENTO | TRENTINO


Divulgare la cultura

Riflessioni in salsa trentina | La Cultura per Mario Antolini Musòn


La cultura è l’unico bene dell’umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande. Hans Georg Gadamer

Ne è convinto Mario Antolini Musòn, storico, poeta e uomo di cultura noto nell'ambito giudicariese e non solo. Nato a Tione di Trento, dove ancora oggi vive, ha alle sue spalle un percorso costellato di anni di studi - tra cui la laurea a Napoli, di viaggi - ha vissuto per 6 anni in Giappone, e di insegnamento. 

A ritmare il suo passato ed anche il suo presente sono in particolare le ricerche storiche sulla cultura locale volte a valorizzare tradizioni e aneddoti delle Valli Giudicarie.
Alla veneranda età di 99 anni Mario, nonostante abbia all'attivo già numerose pubblicazioni, non smette di interrogarsi su parole e tematiche importanti che affronta sia sul web che nella vita "reale"...

Il filo conduttore però sembra essere sempre e solo uno: la Cultura. Un argomento che ha trattato pochi giorni fa anche sulla sua "piazza virtuale", Facebook. 
Quale modo migliore quindi per parlare di questo tema... se non facendo quattro chiacchiere proprio con lui

Mario cos'è per te la Cultura?
Cultura è una parola fondamentale, perchè in ogni momento e in ogni cosa la Cultura deve essere vista come la più importante. Per fare le cose bene è fondamentale che ci sia cultura. Non ci si pensa, ma non è possibile fare una strada o un ponte se non si ha cultura, così come non è possibile organizzare e costruire se, le persone deputate a farlo, non sono acculturate.

Oggi però parlare di cultura sembra essere qualcosa di distante, un argomento per pochi...
No, assolutamente no. Per fare cultura bisogna arrivare alle persone… Oggi mi sembra che questa voglia di fare Cultura non ci sia più. Ma io penso ad una cultura diffusa e non dobbiamo confondere Cultura e Istruzione. I nostri nonni erano persone di grande cultura e di grande intuizione anche se non erano "studiati".

Invece ora?
Ora, non so. Sicuramente in molti fanno Cultura, ma il problema é la sua diffusione. Il fare non serve a nulla se non si divulga. Impariamo dai social network che hanno rivoluzionato il mondo: anche l’ultimo dei mortali può far sentire la sua voce…
se il bene lo si divulga ha un valore, altrimenti se lo teniamo "rinchiuso" e non lo lasciamo uscire è ovvio che lasciamo la piazza in mano al male...

In che senso?
Nel senso che i social sono come la piazza. C’è un po’ di tutto, ci sono quelli bravi, ci sono quelli che urlano, ci sono quelli che parlano tanto per parlare... ma se sono quelli che fanno il bene a non divulgarlo è ovvio che vince chi urla. Insomma, se io mi muovo in favore degli altri devo anche far sapere che ci sono...

Quindi c'è meno cultura? 
Temo di sì. O forse siamo solo diventati tutti troppo esperti e ci manca quella cultura generale. Non voglio criticare, ma constatare. Anche la scuola in questo è calata molto. Si insegna la materia, ma credo sia superficiale perché manca l'aspetto dell'umanesimo italiano... Chi ha avuto la fortuna di frequentare la scuola ai miei tempi sa che dalle nostre Università uscivi con cose diverse… una cultura generale molto più ampia. 

Come si potrebbe rimediare?
Direi cercando di imparare ad aprire gli occhi… non a chiuderli…
Fare cultura, offrire cultura e farla gratis. Non spendere soldi per costruire strade, per sistemare edifici, ma pubblicare testi di storia e di geografia locali per dare alle persone - tutte le persone - la "cultura" del proprio passato. Sinceramente provo rabbia quando penso che si poteva fare e non si è fatto. Anche perchè - io l’ho visto con l’Università della Terza Età - tutti hanno voglia di sapere.

Scuola e formazione dunque...
Sì, con tutti i pedagogisti bravi che abbiamo in Italia. Io come insegnante ho sempre avuto i miei studenti "dalla mia"… mi dicevano "ti te se dai nos" (tu sei dei nostri). Penso che si debba semplicemente fare la scuola per gli scolari e non per i programmi o per gli insegnanti. 

Mario Antolini nel suo studio - Credits foto Studio Fox Tione di Trento
Mario Antolini nel suo studio - Credits foto Studio Fox Tione di Trento
Press Release

Press Release

Fresh news and press release directly from the institution and the political figures of Trentino.

vedi comunicati

Food

Let's get some information about the traditional food of Trentino and lots more... 

vedi food Food
Bands

Bands

Find out the best band, festivals and concerts that will be placed in Trentino.
Jazz, blues, rock, pop, folk, fusion, cover band and tribute band...

vedi bands
Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla
Chiudi

Richiedi il tuo coupon


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

Il titolare del trattamento dati è Studio Giornalistico JP Communications e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla