Eventivai alla lista eventi

Comunicati


COPPOLA (EUROPA VERDE) | CARENZE DI CONTROLLO SUL TRASPORTO PUBBLICO SOSTITUITE DAL “CONTROLLO SOCIALE”: UNA VERA BARZELLETTA

giovedì 23 settembre 2021 h13:45


richiesta info

Ricevo continue segnalazioni da parte di persone che utilizzano gli autobus urbani negli orari di punta e lamentano di viaggiare schiacciati come sardine.
Le linee guida del Ministero delle Infrastrutture, recepite anche dalla Provincia di Trento, prevedono che in zona bianca o gialla il riempimento dei bus non debba superare l’80%. In pratica il discorso è questo: non ci sarà la distanza di sicurezza di un metro ma con le mascherine si può stare attaccati; va bene essere ammassati sui bus ma tutti distanziati a scuola e al lavoro! Teniamo conto che la variante Delta è caratterizzata da una trasmissibilità dal 40 al 60% più elevata rispetto alla variante Alfa e per questo il trasporto pubblico è uno dei luoghi da tenere sotto massimo controllo.
Mi è stato riferito che persone salgono sul bus con la mascherina e poi la abbassano, tanto il conducente non se ne accorge. Ragazzini che salgono con le patatine o altro e mangiano tranquillamente a bordo. Quasi inesistenti i controlli sugli autobus.
Il presidente Fugatti rispondendo ad una mia interrogazione in merito ai controlli dei verificatori (n. 2439) ha spiegato che “il controllo prevalentemente è quello dell’autista alla salita ma occorre sottolineare che secondo la Società Trentino Trasporti quello più straordinario e proficuo a cui si è assistito da un anno a questa parte è il controllo sociale. Comportamenti elusivi e pericolosi non vengono tollerati dall’utenza corretta, nell’oggettiva impossibilità dell’autista di avere un costante controllo”.
I verificatori in servizio urbano nel maggio scorso, data della risposta alla mia interrogazione, erano mediamente una decina e si capisce che ben difficilmente possono essere in grado di effettuare un controllo capillare. Nella risposta alla interrogazione è specificato che i verificatori svolgono una funzione utile a terra, con dissuasione degli assembramenti e conteggio e registrazione dei dati di occupazione dei bus in transito e, come funzione residua, salgono a bordo dei mezzi.
Il presidente aggiunge: ”In ogni caso, proprio per rendere possibile un controllo più diffuso, anche per sopperire alle diverse mansioni a cui la Società sta impiegando i verificatori, i dipendenti di Trentino Trasporti si sono dati tutti il compito, anche nel corso di trasferimenti privati casa/lavoro, di controllare a vista tutti gli autobus in transito e far intervenire eventualmente il controllore reperibile”.
Morale della storia: chi verifica il corretto adempimento dei protocolli Covid nel trasporto pubblico sono gli autisti che purtroppo per loro non hanno ancora gli occhi dietro la testa, una decina di verificatori nel servizio urbano, gli utenti che spesso se ne stanno comprensibilmente zitti per paura di reazioni sproporzionate e i dipendenti di Trentino Trasporti che, anche nel loro tempo libero, controllano a vista gli autobus e eventualmente fanno intervenire il controllore.
Sembra quasi una barzelletta. Una deresponsabilizzazione inconcepibile da parte della Provincia e di Trentino Trasporti.
Se non ci sono sufficienti verificatori credo sia necessario stanziare risorse aggiuntive per l’assunzione di personale.

Tutto ciò premesso interrogo il presidente della Provincia di Trento per sapere:

• se non ritenga che sarebbe necessario provvedere ad investire in risorse aggiuntive di personale per effettuare i controlli sul rispetto delle procedure anti Covid, non solo alle fermate degli autobus ma anche sui mezzi;
• quanti sono attualmente i verificatori. A maggio 2021, data della risposta all'interrogazione, erano mediamente una decina sul servizio urbano;
• se non ritenga che demandare al “controllo sociale” il rispetto delle procedure anticovid sui mezzi di trasporto sia un atto di deresponsabilizzazione non degna di un servizio pubblico adeguato;
• se non ritenga poco credibile l’affermazione secondo la quale i dipendenti di Trentino Trasporti si sarebbero dati tutti il compito di svolgere controlli a vista degli autobus in transito, anche nel corso dei trasferimenti casa/lavoro e quindi al di fuori delle loro specifiche mansioni. Tra l’altro il mansionario dei dipendenti è stabilito dal contratto di lavoro e non dipende da iniziative personali dei singoli.

Lucia Coppola

consigliera provinciale/regionale
Gruppo Misto/Europa Verde

Press Release

Eventi, manifestazioni e notizie tutte... "di prima mano".

Qui trovi una selezione aggiornata di comunicati e di iniziative così come condivise dai promotori, dagli enti e dalle istituzioni del Trentino.
Per scopire un Trentino fatto di "Emozione", "In-Formazione" e "Innovazione"!

Emozione

Emozione

Eventi, manifestazioni, mostre...
Sono tanti gli eventi che ci permettono di provare forti emozioni.
Scopri gli appuntamenti che ci emozionano in Trentino. 

vedi comunicati

In-formazione

Confronti, corsi e rassegne...
per informarsi, formarsi e crescere: riflettiamo in Trentino!

vedi comunicati In-formazione
Innovazione

Innovazione

Ricerche, convegni e concorsi dedicate all'ambiente ed alla tecnologie.
Innoviamo in Trentino...

vedi comunicati
Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Annulla
Chiudi

Richiedi il tuo coupon


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

Il titolare del trattamento dati è Studio Giornalistico JP Communications e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla