WEB VERSION


AGIS-ANEC | EMENDAMENTO PER LO SPETTACOLO, GRANDE SODDISFAZIONE PER SOSTEGNO PAT AL COMPARTO DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI DEL SETTORE


IL PRESIDENTE OSS NOSER: "IL CONSIGLIO HA RICONOSCIUTO L'IMPORTANZA SOCIALE ED ECONOMICA DELLE IMPRESE DEL NOSTRO SETTORE".

Nei giorni di dibattito in aula sull'assestamento di bilancio, il Consiglio della Provincia Autonoma di Trento ha approvato, tra gli altri, un emendamento presentato dalla consigliera Alessia Ambrosi che prevede un sostegno al comparto delle imprese e dei lavoratori dello spettacolo (teatro, danza, musica, cinema) per 500 mila euro. L'emendamento presentato è il frutto del confronto che la consigliera Ambrosi, presidente della Quinta Commissione permanente del Consiglio, ha avuto negli ultimi mesi con AGIS, il sindacato delle imprese dello spettacolo operante anche in Trentino. AGIS ha inoltre dialogato nelle ultime settimane anche con i consiglieri di minoranza Luca Zeni e Sara Ferrari, che avevano anch'essi presentato un emendamento in materia di cultura e spettacolo.

La sua approvazione è un segnale concreto e tangibile di sostegno a un settore che nei mesi del “lockdown” è stato duramente colpito, con sale, imprese e maestranze costrette al fermo pressoché totale, e ora alle prese con una ripartenza molto complessa a causa anche dei protocolli, oltre che delle difficoltà legate ai problemi economici delle aziende del settore. Il presidente dell'Unione Interregionale Triveneta AGIS, Franco Oss Noser, che ha seguito da vicino l'iter del provvedimento, commenta così l'emendamento: "Si tratta di una misura tremendamente importante per tutto il comparto, sia perché mette a disposizione risorse adeguate a mettere in sicurezza le aziende che rappresentiamo, e di conseguenza i lavoratori in esse impiegate, ma anche come segnale di rilancio, fiducia e sguardo verso il futuro. Va dato atto alla consigliera Ambrosi di aver compreso perfettamente l'importanza strategica del settore dello spettacolo non solo dal punto di vista della tenuta sociale e culturale del nostro territorio, ma anche e soprattutto dal punto di vista economico, di produzione del Pil trentino, di occupazione e di ricaduta su tutta la filiera di settore, molto ampia e articolata anche in Trentino".

Ora l'emendamento andrà tradotto in azione concrete e puntuali: "Siamo pronti fin da ora a un confronto anche su questo aspetto - aggiunge Oss Noser -: porre in atto il prima possibile degli aiuti tangibili per tutto il settore è stata una nostra priorità fin dall'inizio della pandemia, e su questo abbiamo le idee chiare. L'obiettivo è sì mettere in sicurezza le aziende dello spettacolo e i loro lavoratori, ma pensare anche fin da subito in una prospettiva di medio termine, puntando su circuitazione e distribuzione delle produzioni di teatro, musica, danza e cinema del territorio, sulla formazione degli artisti e delle maestranze, oltre che del pubblico. Ma intanto l'importante per il momento è che il consiglio abbia riconosciuto la centralità strategica del nostro settore e vi abbia destinato delle risorse importanti, che a cascata andranno a beneficio di tutta la nostra comunità", conclude il presidente dell’Unione Triveneta AGIS.

Segreteria AGIS-ANEC
Sezione Interregionale delle Tre Venezie