Eventivai alla lista eventi

EVENTI IN TRENTINO

ARTE | MOSTRE | TRENTO


Selvatici e salvifici. Gli animali di Mario Rigoni Stern al MUSE

fino al 27 febbraio 2022


In occasione del centesimo anniversario della nascita di Mario Rigoni Stern (Asiago - 1 novembre 1921) il MUSE e il Mart organizzano una mostra dedicata agli animali raccontati dal grande narratore dell’Altipiano dei Sette Comuni.

«Fino al 27 febbraio 2022 - sottolineano i promotori - il secondo piano di Palazzo delle Albere accoglierà infatti le opere, per la maggior parte inedite e ideate per l’occasione, di pittori, fotografi, scultori e artisti ambientali che interpretano la fauna letteraria e celebrano la sensibilità dello scrittore per il mondo naturale.
Un mondo che, per Rigoni Stern, era “salvifico” e “da salvare” perché – spiegava citando Giacomo Leopardi e il suo Zibaldone – “se l’uomo distrugge la natura recide le radici del futuro”».

Un percorso espositivo, immerso tra le sale nobili e gli affreschi cinquecenteschi dell’antica dimora dei principi vescovi di Trento, che suggerisce un’inedita esplorazione dove arte e scienza dialogano tra loro in un rinnovato rapporto con l'ambiente, curioso e senza pregiudizi.

Un’esposizione, curata dal giornalista e critico d’arte Fiorenzo Degasperi e dal biografo dello scrittore Giuseppe Mendicino «è un omaggio - aggiungono - alla scrittura asciutta, limpida ed evocativa di Mario Rigoni Stern e agli animali che ha incontrato e raccontato durante la sua vita di uomo di montagna, di cimbro dell’Altipiano. Nei suoi più celebri romanzi, lo scrittore ha raccontato storie realistiche e commoventi sugli animali selvatici, sulla caccia e sul mondo dei cacciatori come parte integrante di una storia della montagna alpina. Un mondo, come quello degli altri alpigiani, denso di fatiche, silenzi e conoscenze. Conoscenze soprattutto degli equilibri della montagna e della delicatezza che l’uomo deve sempre avere nell’accostarsi a essa per trarne sostentamento».

Molte le opere realizzate da 15 artisti tra cui il grande cervo che accoglie i visitatori sul prato del MUSE, all’entrata di Palazzo delle Albere: si tratta di “Human”, una grande sagoma lignea di circa 4 metri, di Roberto Pedrotti. «Rossa - spiegano gli organizzatori - come il cervo dipinto su un ciottolo emerso sull’altopiano della Marcesina (assieme ad altre 217 pietre dipinte risalenti a 11.000 anni fa, durante gli scavi del riparo Dalmeri), a pochi chilometri da Asiago, nella terra cimbra di Mario Rigoni Stern».

«Le altre opere – circa una settantina tra sculture, fotografie e dipinti – trovano spazio negli oltre 600 metri quadrati del secondo piano di Palazzo delle Albere. A ogni autore, molti dei quali furono grandi amici dello scrittore, corrisponde un’area intitolata a uno o più degli animali narrati da Rigoni Stern».

Tra gli artisti esposti, anche Fortunato Depero, con i suoi orsi, galli e altri “animali futuristi”.
Spazio poi a Marco Arman, pittore ed ex guardacaccia cembrano, che affronta il mondo degli uccelli, agli scatti del fotografo Albert Ceolan ed agli olii su carta di Alda Failoni. E ancora gli animali di Federico Lanaro, di Gianfranco Schialvino e Gianni Verna.

Ecco il dettaglio degli artisti

Scultori/artisti ambientali
Adolf Vallazza (Ortisei, Bz)
Roberto Pedrotti (Madrano, Tn)
Matthias Sieff (Campitello di Fassa, Tn)
Ivan Zanoni (Caldes, Tn)

Pittori
Fortunato Depero (Rovereto, Tn)
Claudio Menapace, con gli Scheiben (Bolzano)
Marco Arman (Cembra,Tn)
Federico Lanaro, Rovereto
Alda Failoni, Trento
Gianluigi Rocca, (Tione di Trento e Milano)
Orlando Gasperini (Borgo Valsugana, Tn)
Aldo Valentinelli (Segonzone, Tn)

Incisori
Gianni Verna (Quagliuzzo, Torino)
Gianfranco Schialvino (Torino)

Fotografi
Albert Ceolan (Salorno, Bz)


I sentieri di Mario Rigoni Stern: una breve biografia - A cura di Giuseppe Mendicino

Il 1° novembre del 2021 ricorreranno cento anni dalla nascita di Mario Rigoni Stern, uno dei maggiori narratori del nostro Novecento. I suoi libri hanno appassionato tante generazioni di lettori. Trascorsa la prima giovinezza tra l’altipiano dei Sette Comuni e le vette alpine dell’addestramento militare, Rigoni Stern combatte su tre fronti (Alpi Occidentali, Grecia e Russia); dopo l’8 settembre rifiuta di aderire alla Repubblica Sociale di Mussolini e viene imprigionato per venti mesi nei lager tedeschi. Alla fine della Seconda guerra mondiale, torna nel suo altipiano e inizia a scrivere: il primo libro, Il sergente nella neve, pubblicato da Einaudi nel 1953, ottiene un grande e inaspettato successo, sia tra i critici letterari sia tra i lettori. Negli anni successivi pubblicherà Il bosco degli urogalli, Quota Albania, Storia di Tönle, vincitore nel 1979 del premio Campiello, Uomini, boschi e api, L’anno della vittoria, Amore di confine, Il libro degli animali, Arboreto salvatico, Le stagioni di Giacomo, Sentieri sotto la neve, Inverni lontani, Tra due guerre altre storie, L’ultima partita a carte, Aspettando l’alba, fino all’ultimo libro, Stagioni. Scompare ad Asiago, nella sua casa sul limitare del bosco, il 16 giugno 2008. Rigoni Stern racconta le tragedie della guerra e della prigionia, ma anche l’amore e il rispetto per l’ambiente naturale, per i boschi e gli animali. È indispensabile avere il senso del limite, diceva, essere consapevoli della fragilità e finitezza della natura. Ne Il bosco degli urogalli scrive: «La terra, l’aria, l’acqua non hanno padroni ma sono di tutti gli uomini o meglio di chi sa farsi terra, aria, acqua e sentirsi parte di tutto il creato». Dalle sue pagine traspare un’etica civile forte e riconoscibile, l’esigenza di una libertà responsabile e solidale, l’insofferenza per l’enfasi e la retorica. Lo stile della sua scrittura, non a caso apprezzato da Italo Calvino, è chiaro e scorrevole, sobrio pur nella ricchezza e precisione dei vocaboli, piacevole da leggere. Le descrizioni che Rigoni Stern dedica ai boschi, alle montagne e agli animali che le abitano sono un invito a camminare per i suoi sentieri, a visitare i luoghi evocati nelle sue storie: «mi piace immaginare che i miei lettori, percorrendo quei sentieri, possano provare le mie stesse impressioni ed emozioni».

Press Release

Press Release

Fresh news and press release directly from the institution and the political figures of Trentino.

vedi comunicati

Food

Let's get some information about the traditional food of Trentino and lots more... 

vedi food Food
Bands

Bands

Find out the best band, festivals and concerts that will be placed in Trentino.
Jazz, blues, rock, pop, folk, fusion, cover band and tribute band...

vedi bands
Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Annulla
Chiudi

Richiedi il tuo coupon


Annulla